TRATTAMENTI VISO



LA NUOVA FRONTIERA DELLA RIPARAZIONE CELLULARE


BIOQUANTICA


La Bioquantica è un innovativo metodo di biorivitalizzazione e tonificazione cutaneo-muscolare che utilizza l’emissione di micro-correnti indicizzate a livello cellulare. Queste stimolano ed aumentano la funzionalità dei mitocondri e sono in grado di riportare le cellule danneggiate ad una perfetta funzionalità. Esse sono efficaci nella stimolazione del tessuto connettivale con formazione di fibre collagene ed elastiche.

In parole semplici è un sistema altamente tecnologico che serve a ripristinare le forme dell’addome, glutei, gambe e seno agendo su tre fattori principali: gonfiore, cellulite e rilassamento.

Infine il programma soft-lifting viso permette di riscoprire il fascino di una pelle tonica, compatta e luminosa.




RINGIOVANIMENTO VISO


LIFTING DOLCE CON LA CARBOSSITERAPIA


Per Carbossiterapia si intende l’impiego a scopo terapeutico dell’anidride carbonica somministrata allo stato gassoso per via sottocutanea e intradermica. La CO2 viene somministrata tramite microiniezioni sottocutanee in sedi diverse e a dosi variabili; si possono utilizzare aghi di piccolissima sezione (30 G) per minimizzare la traumaticità ed il fastidio al paziente. Il trattamento è sicuro per il paziente poiché l’anidride carbonica è atossica e non provoca embolia; è compatibile con l’organismo umano che la produce costantemente e la elimina tramite il sistema venoso per via polmonare. La CO2 è un normale metabolita cellulare e possiamo, a ragione, definirla un FARMACO NATURALE. Gli effetti collaterali sono una modesta dolorabilità locale, fugace, e talvolta sensazione di arto pesante e lieve crepitio sottocutaneo; rara è la comparsa di piccoli ematomi; l’intensità di tali effetti collaterali è estremamente ridotta nei protocolli di terapia della cellulite.

Studi e ricerche cliniche universitarie hanno dimostrato che l’anidride carbonica ha effetto:

  • sul micro-circolo, dove riapre i capillari chiusi per effetto meccanico, riattiva quelli mal funzionanti e determina la formazione di nuovi vasi aumentando, in tal modo, la disponibilità di ossigeno nei tessuti. L’effetto che ne deriva è quello di migliorare lo stato di patologie che vanno dalla gamba gonfia fino ad ulcere di varia natura;
  • sul tessuto adiposo, dove rompendo le membrane delle cellule grasse (effetto lipoclasico) riduce gli accumuli di grasso;
  • sulla cute (pelle), dove aumenta la percentuale di ossigeno nei tessuti e stimolando così i fibroblasti a produrre collagene aumenta lo spessore del derma e migliora l’elasticità cutanea, inducendo un progressivo ringiovanimento con miglioramento della flaccidità, luminosità e compattezza cutanea.


INDICAZIONI IN MEDICINA ESTETICA:

  • adiposità localizzata in eccesso;
  • cellulite di ogni grado;
  • Invecchiamento cutaneo (biostimolazione e lifting dolce);

La quantità globale di anidride carbonica erogata è variabile a seconda della zona trattata (da pochi c.c. al viso a 2000 c.c. per gli arti inferiori). La durata del trattamento è di circa trenta minuti, la frequenza consigliata è di una volta alla settimana e spesso per sfruttare un meccanismo sinergico viene fatta precedere da altre metodiche quali la Bioquantica o il linfodrenaggio.



FOTORINGIOVANIMENTO CON LUCE PULSATA


E’ indicata per la depilazione progressivamente definitiva, per il fotoringiovanimento, il trattamento delle iperpigmentazioni, della couperose e della rosacea.

Stimola la produzione di collagene migliorando la compattezza e l’elasticità della pelle e determina uno schiarimento delle macchie dando maggiore luminosità al viso. I sistemi IPL (Intense Pulsed Light), lavorano sugli stessi principi di energia luminosa dei L.A.S.E.R.: la luce emessa viene assorbita all’interno di cellule bersaglio di un determinato colore presenti nella pelle. L’energia luminosa viene convertita in energia termica raggiungendo risultati in una specifica area bersaglio. E’, a differenza del L.A.S.E.R., una tecnica non aggressiva che ha il vantaggio di un recupero immediato (procurando solo un lieve rossore) dell’attività sociale e lavorativa.

L’apparecchiatura che utilizzo possiede un sistema di raffreddamento aria-acqua estremamente efficace che a contatto con la pelle determina una eccellente tollerabilità da parte del paziente. La potenza della macchina permette tempi di emissione molto ravvicinati e quindi una rapida esecuzione del programma terapeutico.



PEELINGS CHIMICI SUPERFICIALI E PROFONDI


Il peeling chimico del volto è un trattamento estetico che stimola, attraverso l’applicazione di una sostanza chimica, l’esfoliazione controllata degli strati cutanei più superficiali e danneggiati, levigando e migliorando l’aspetto e la luminosità del viso.

Può agire a più livelli del derma, superficiale, medio e profondo, e provoca una vera e propria accelerazione del ricambio cellulare, eliminando le cellule della pelle danneggiate e degenerate affinché vengano sostituite da cellule epidermiche nuove.

Le sostanze chimiche utilizzate sono spesso di derivazione naturale, essendo estratte dalla canna da zucchero (acido glicolico), latte (acido lattico), mandorle amare (acido mandelico), radice del salice (acido salicilico), dagli agrumi (acido citrico) eccetera.

Oggi la possibilità di utilizzare questi composti in associazione e/o in combinazione, potenzia il loro effetto e ne riduce l’invasività. Il risultato è quello di migliorare rapidamente l’aspetto cutaneo determinando una esfoliazione invisibile senza compromettere la vita sociale e lavorativa. Per questo motivo sono facilmente ripetibili e rappresentano una tappa importante di un programma più articolato nella cura del crono e foto-aging.

Le indicazioni principali sono: invecchiamento cutaneo, cicatrici superficiali, cheratosi seborroica, acne micro cistica e papulo-pustolosa, macchie cutanee e melasma.



FILLER RIASSORBIBILI


La tecnica del filler consiste nell’iniettare con aghi molto sottili, direttamente nella zona depressa, una certa quantità di materiale semi-liquido e di diversa densità a seconda della zona da trattare, per ridonare i giusti volumi al volto o per eliminare rughe superficiali e profonde che hanno solcato la pelle nel tempo. Nella mia pratica clinica utilizzo sempre sostanze naturali e riassorbibili che hanno la caratteristica di donare alla pelle idratazione e una maggiore produzione di collagene ed elastina, con il duplice effetto di curare la pelle e restituire un aspetto più giovane.

I filler da me utilizzati sono quelli a base di acido ialuronico e idrossiapatite di calcio, tutti certificati dalla F.D.A. e dunque di sicuro utilizzo e di lunga durata.

E’ possibile ripartire l’intervento in più sedute, in modo da ricercare l’effetto desiderato gradualmente e perfezionarne così i risultati.

Inoltre, i filler dal punto di vista chirurgico hanno il vantaggio di essere poco impegnativi perché non implicano incisioni e pratiche invasive e relativamente economico perché i costi vengono abbattuti dalla semplicità della realizzazione. Non ultimo, hanno il vantaggio di poter essere ripetuti nel tempo e di modularne l’effetto.



TOSSINA BOTULINICA


La tossina botulinica fu isolata la prima volta nel 1897 in Germania e le prime applicazioni cliniche iniziarono, negli anni ’70, in ambito neurologico per la cura dello strabismo e del blefarospasmo. A partire dagli anni ’90 il suo utilizzo si è ampiamente diffuso anche in medicina estetica. In Italia è stato approvato nel 2004 dal Ministero della Sanità l’impiego per uso estetico della tossina botulinica di tipo A, vincendo pregiudizi e paure ingiustificate.

La tossina botulinica esercita il suo meccanismo d’azione a livello della placca neuromuscolare bloccando gli impulsi responsabili della contrazione dei muscoli iperattivi. L’effetto è reversibile e dura mediamente 3-6 mesi. Essa non è in grado di superare la barriera ematoencefalica e pertanto a tutt’oggi non sono stati dimostrati effetti collaterali sistemici di grave entità né fenomeni allergici. Il suo utilizzo da parte di medici esperti è sicuro ed efficace.

I trattamenti con la tossina botulinica sono indicati per l’attenuazione delle rughe d’espressione, in particolare quelle delle fronte, quelle fra le sopracciglia, e le cosiddette zampe di gallina perioculari, con un effetto modulabile consentendo anche di lasciare qualche piccola linea di espressione per chi non desidera un risultato troppo levigato.

La pratica, definita anche come lifting non chirurgico, ha non solo un’azione correttiva ma anche preventiva in quanto, rilassando costantemente la muscolatura, impedisce la formazione di solchi o rughe più profonde ed antiestetiche la cui correzione richiederebbe interventi invasivi. Pertanto è consigliata anche in età relativamente più giovane, fin dal primo insorgere di eventuali inestetismi che possono determinare disagio e perdita dell’autostima.


BIORIVITALIZZAZIONI E BIOSTIMOLAZIONI


La biorivitalizzazione e la biostimolazione sono le nuove tendenze emergenti della medicina estetica moderna che operano contro l’invecchiamento cutaneo in maniera preventiva e poco invasiva prima che il danno e il conseguente difetto estetico sia troppo avanzato. Grazie ad esse è possibile recuperare e mantenere la giovinezza della pelle attraverso la riorganizzazione della struttura della stessa. Si utilizzano microiniezioni sottocutanee o intradermiche a base di acido ialuronico, vitamine e aminoacidi che migliorano l’idratazione e l’elasticità del tessuto cutaneo, aumentando visibilmente la tonicità della pelle e contrastando le azioni nocive dei radicali liberi.

Le zone che traggono beneficio da questi trattamenti sono il viso, il collo, il decolleté e le mani.

La cute risulterà più fresca, morbida e levigata e verranno ripristinate l’armonia e le forme del viso; rughe ed inestetismi verranno appianati con risultati sicuri ed immediati.


RADIOFREQUENZA PER RINGIOVANIMENTO CUTANEO E TONIFICAZIONE


La radiofrequenza sfrutta il calore generato da appositi apparecchi medicali, che determina un rimodellamento non invasivo dei tessuti, con una azione particolarmente efficace nel contrastare il rilassamento cutaneo sia del viso sia del corpo. Si esegue applicando un particolare manipolo sulla cute, con l'interposizione di un gel conduttore. Non prevede l'uso di aghi o di farmaci da iniettare. Permette di riprendere la propria attività immediatamente senza lasciare segni indesiderati sulla pelle. La procedura è indolore, le sedute non prevedono nessuna anestesia, sono abbastanza rapide, non vi sono controindicazioni particolari, gli effetti collaterali si limitano al più ad un arrossamento della zona trattata che regredisce spontaneamente nell'arco di poche ore.
Permette di trattare zone diverse di viso e corpo, quali il contorno occhi, i solchi naso-genieni, gli zigomi, la fronte, il collo, le braccia, l'interno e l'esterno coscia, i glutei, l'addome.

In particolare, il trattamento con la radiofrequenza è indicato per:

  • attenuazione delle rughe
  • ripristino del tono cutaneo
  • rimodellamento delle adiposità localizzate
  • riduzione dei noduli cellulitici
  • stimolazione del microcircolo superficiale e degli scambi cellulari
  • stimolazione del circolo linfatico
  • eliminazione del gonfiore da stasi


Il principio alla base della radiofrequenza è quello di generare uno shock termico negli strati più profondi della pelle per innescare una risposta rigenerativa da parte dell'organismo. L'applicazione della radiofrequenza fa sì che gli strati profondi della pelle raggiungano temperature prossime o superiori ai 40°C mantenendo al tempo stesso l'epidermide a temperature inferiori perché resti protetta in ogni istante del trattamento.
Questo comporta una distensione immediata delle fibre di collagene, una stimolazione dei fibroblasti a produrre nuovo collagene, una liberazione di citochine e una rigenerazione della matrice, la diminuzione della contrattilità della muscolatura mimica facciale ed una diminuzione della percentuale di radicali perossidi con conseguente effetto topico antiossidante.
Il risultato è una distensione delle rughe superficiali ed un miglioramento generale della texture e della qualità della pelle.
L'effetto è già visibile alla fine del trattamento grazie alla contrazione delle fibre di collagene.