L'AGOPUNTURA


L’agopuntura è una tecnica millenaria per curare dolori e malesseri fisici di vario genere. L’O.M.S. ha riconosciuto che esistono 104 patologie trattabili in modo efficace con l’agopuntura, dall’asma all’infertilità, dall’artrite alla policistosi ovarica, dalla cefalea alla depressione. Sempre più ampio è anche il suo utilizzo nella terapia del dolore, come adiuvante nel vomito gravidico e nella nausea dopo chemioterapia.

L’agopuntura agisce sia sulle malattie funzionali che su quelle organiche: nelle prime è alterata solo una funzione, nelle seconde ci sono alterazioni anatomiche spesso irreversibili. Mentre nel primo caso l’agopuntura da sola può manifestare un’azione positiva fino alla guarigione, nelle seconde le alterazioni irreversibili non subiranno mutamenti, ma potremo comunque ottenere un buon effetto sintomatico.

Secondo la medicina tradizionale cinese il benessere dell’organismo umano dipende dal buon funzionamento dell’energia che scorre nel nostro corpo. Questa energia scorre lungo alcuni canali chiamati meridiani. L’inserimento di aghi sottili ad una profondità di pochi millimetri lungo questi meridiani riequilibra quel difetto od eccesso di flusso di energia responsabile del disturbo. Gli aghi sono sterili e monouso, di lunghezza e dimensioni diverse; durante la seduta si usano da10 a 20 aghi, il cui inserimento procura sensazione di calore o di formicolio ma quasi mai di dolore. Il tempo di permanenza degli aghi nella pelle ha una durata media di venti-trenta minuti. Questa tecnica evita la tossicità dei farmaci e non ha nessun effetto collaterale, se si fa eccezione per qualche rara e piccola ecchimosi. Può essere utilizzata su tutti gli individui, dal bambino all’anziano, con ottimi risultati ed è per questo che oggi oltre due miliardi di persone al mondo si curano con l’agopuntura.